Quando si esagera, si cade!


Una delle domande più frequenti nell’ultimo periodo è stata questa: “Vi piace la nuova pagina Facebook? Cosa ne pensate del diario?”

E’ mia intenzione cercare di far capire cosa è successo al social network ‘Facebook’ con questo passaggio alla nuova pagina, denominata appunto “Diario“.

Molti ritengono che, come sempre, ad un cambiamento non si reagisca subito nel migliore dei modi, e che spesso è necessaria una fase di adattamento, come in ogni cosa. Ma in questo caso mi sembra di poter dire che Facebook sia andato oltre, cioè credo che si possa affermare che abbia esagerato.

Perché questa affermazione? Ritengo che con la nuova pagina, Facebook non sia più un semplice social network sul quale passare un po’ del proprio tempo e sul quale molte aziende cercando di investire le proprie risorse per farsi conoscere, ma sia diventato qualcosa di più. Del resto tenere un diario, da quando si è piccoli e quando questo era cartaceo, non è mai stato un affare da poco…

Io sono uno di quelli che sostiene che un social network è un po’ come la vita reale. Esiste l’imprevedibilità, la tempistica e tanto altro, ma con questo diario bisogna programmare, si esce quindi dall’idea di social e di immediatezza.

Mi spiego meglio. Facebook con la nuova timeline non è più così immediato, perde quindi il suo punto di maggiore forza che lo ha reso negli anni il social network più utilizzato nel Mondo.

Perde questa caratteristica per diversi motivi:

  • Ora non si ha più solo l’immagine profilo da caricare, ma anche quella copertina
  • L’immagine copertina deve avere determinate caratteristiche da rispettare, altrimenti il rischio è che la sua visualizzazione non sia ottimale
  • Nello scroll del diario, se non si posta in modo scandito nel tempo, si rischia di avere una visualizzazione disordinata, tanto che molti preferiscono tenere le notizie “in evidenza”, in modo che la pagina risulti più lineare e ordinata. Questo però necessita una maggiore accuratezza nella selezione delle immagini (la risoluzione “in evidenza” è diversa)
  • Per quanto riguarda le pagine fan la situazione è anche peggiore. Immaginate la difficoltà di caricare le immagini con la giusta risoluzione, per far in modo che piacciano alla gente secondo i nuovi canoni di Facebook. Se si vogliono tenere le immagini “in evidenza” si dovrà selezionare in modo ancor più accurato le immagini. Inoltre: quali notizie conviene segnare come “traguardo”?

Questi sono solo alcuni esempi che ci fanno rendere conto che Facebook non è più un semplice social sul quale passare il tempo e rincontrare le amicizie per condividere qualcosa, ma è qualcos’altro… Mentre prima per postare una notizia, una foto, ci volevano 30 secondi, ora ce ne vogliono almeno il doppio, e questo soprattutto per quanto riguarda le pagine “fan”. Un social network dovrebbe essere utilizzato come passatempo e come momento di relax, non un ennesimo mondo nel quale stare attenti ad ogni passo che si compie e a tanti dettagli.

Non sarà che forse questa volta Facebook con l’aggiornamento abbia esagerato? E se fosse un passo falso?

Io, dal canto mio, spero che coloro che dicono che sia necessaria solo una fase di adattamento abbiano ragione, anche se questa volta l’adattamento rischia di essere più lungo del solito.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su SOCIAL Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave