Facebook e le persone: ormai siamo Facebooksone


© flydragon - Fotolia.com

Più il tempo passa e più i social network entrano a far parte della nostra vita a tal punto da influenzare i rapporti interpersonali, d’amore e d’amicizia… e qualche volta anche di odio.

Diversi sono i libri e gli articoli scritti sull’argomento. Solo per citarne qualcuno:

Unfriending My Ex di Kim Stolz

http://time.com/2917916/kim-stolz-how-social-media-is-ruining-our-relationships/

Seven Myths about social media and relationships di Pamela Rutledge

https://www.psychologytoday.com/blog/positively-media/201305/seven-myths-about-social-media-and-relationships

Couples, the internet, and social media di Amanda Lenhart e Maeve Duggan

http://www.pewinternet.org/2014/02/11/couples-the-internet-and-social-media/

Sappiamo tutti che Facebook si basa su un algoritmo che con una certa costanza viene aggiornato. Alcuni valori noti di questo algoritmo fanno riferimento a: Afinity, weight e time decay, tipologia di post, feedback negativi, dispositivi , relationship settings, story buping, last actor.

Ma se il nostro focus sono le relazioni tra persone dobbiamo in prima istanza concentrarci sul primo fattore, che, insieme a weight e time decay, sono ciò che ci ha tramandato il buon vecchio e ormai defunto EdgeRank. L’affinità è il rapporto, per così dire, a senso unico che si ha con una determinata persona, cioè più mostro interesse con le modalità a mia disposizione, più ho possibilità di visualizzare i suoi contenuti (commenti, like, condivisioni suoi contenuti).

Logicamente Facebook, e più in generale i social network, stanno influenzando le nostre realzioni interpersonali in diversi modi e non è tutto oro quello che luccica, infatti potrebbe essere che luccichi per chi vi investe e per i brand, ma non per i rapporti tra le persone. Prima di scendere nel particolare di questi aspetti bisogna dare uno sguardo alla tipologia di utenti che abitano Facebook e i social in generale. Questo per cercare di comprendere alcune dinamiche che possono prendere vita in una giornata social quando ci imbattiamo in differenti abitudini facebookiane. Io ho voluto dividere questi utenti  in 5 categorie:

  1. I GUARDONI: coloro che passano tantissimo tempo sui social ma interagiscono pochissimo, ma vi assicuro sanno tutto di tutti e fanno sapere poco o nulla della loro vita o interessi.
  2. I DISCRETI: chi sta poco sui social e interagisce solo sporadicamente
  3. GLI SPAMMER (sottofondo canzone SHPALMAN di ELIO) c’è chi posta solo argomenti riguardanti la propria professione e il proprio lavoro anche 30 volte al giorno.
  4. CE STO SOLO IO: chi posta molto ma interagisce pochissimo.
  5. W I SOCIAL: i veri amanti dei social network, coloro che utilizzano lo strumento con il giusto equilibrio tra post fatti ed interazioni con gli altri amici o utenti, come meglio preferite chiamarli.

Tutte queste categorie di FACEBOOKSONE devono interfacciarsi con il resto del mondo FACEBOOK e devono avere a che fare con post che ormai sono come farfalle, vale a dire: hanno vita breve.

A questo punto la domanda è spontanea: quali sono gli aspetti positivi e negativi nei rapporti tra persone in questo nuovo mondo socialmedizzato?

Aspetti negativi

brutto

Sicuramente gli aspetti negativi di questo super uso dei social network sono davanti agli occhi di tutti, ma io voglio provare a farvi riflettere davvero su quanto abbiamo cambiato le nostre abitudini. Con la crescita dell’utilizzo del mobile soprattutto, non ci guardiamo più negli occhi, abbiamo sempre il capo chino e ci perdiamo spesso quei magici incroci di sguardi che ormai leggiamo solo sui libri, ammesso che abbiamo ancora il tempo per leggerli… Sensazioni ben descritte da Paulo Coelho: “Possiamo avere tutti i mezzi di comunicazione del mondo, ma niente, assolutamente niente, sostituisce lo sguardo dell’essere umano”.

Purtroppo a mio avviso non è tutto! Siamo diventati anche più aggressivi e ipercritici e coloro che lavorano sui social non devono tenere a bada solo le varie novità di Facebook, le tanto odiate regole del 20% e altro ancora, ma anche i “bollenti e irrequieti spiriti” delle FACEBOOKSONE.

Sui social tante cose possono diventare virali, ma con altrettanta facilità passano, ci soffermiamo spesso davvero molto poco su notizie o argomenti che contano, anche se sono davvero interessanti e meriterebbero un eco maggiore e più approfondito. Questo perché? Perché neanche Eraclito dicendo “tutto scorre” avrebbe mai immaginato che davvero scorresse tutto così come un fiume in piena. Questo poi è uno dei motivi per cui si diventa sempre più superficiali, si bada sempre meno a ciò che si condivide, ci si dimentica di citare (Citare la fonte non nuoce gravemente alla salute http://socialblog.giorgiotave.it/citare-la-fonte-social-network/2990) e non si analizza a fondo quasi nulla.

Aspetti positivi

Ma non è mica tutto “fango”! Gli aspetti positivi ci sono e come. Guardando al marketing in primis abbiamo sicuramente la capacità di reperire informazioni su un prodotto che abbiamo intenzione di acquistare, cercare informazioni su qualcosa o avere feedback dai nostri amici su un viaggio, un possibile acquisto, un ristorante, ecc..

Tornando ai rapporti interpersonali, invece, basti pensare a come si possano stringere legami con persone che per conoscere bene avremmo magari dovuto incontrare diverse volte e, quindi, in questo mondo frenetico, non avremmo avuto la possibilità di farlo. Oppure riuscire a scoprire affinità e passioni comuni con nostri amici e per esempio organizzare un qualcosa insieme proprio legato a questo comune obiettivo o stile di vita. I social, e Facebook soprattutto, ci danno la possibilità di ritrovare persone con le quali abbiamo condiviso una parte della nostra vita, ma che poi abbiamo perso, non per scelta, ma perché le strade si sono divise per diversi motivi. Se ci pensate bene non sono banalità, come non può essere una banalità neanche il modo in cui un semplice social network possa aiutare nella raccolta fondi per uno strumento medico o semplicemente per dare visibilità a progetti o a racconti di vita che, molto probabilmente, non avrebbero trovato tanta visibilità se non fossero stati aiutati proprio dalle nostre condivisioni. Per citarne uno che mi sta particolarmente a cuore e che racchiude proprio tutti questi aspetti positivi insieme c’è questo che vi invito a guardare: https://ospiteinatteso.wordpress.com/

Quindi a mio avviso anche per i social in medio stat virtus e spero con questo articolo di avervi semplicemente lasciato un modo per riflettere a come stiamo usando i social network e quanto. Per capirlo basterà forse porsi due semplici domande: quanti sguardi ho incrociato oggi? Mi sono documentato su quello che ho condiviso sui social?

Scritto il , ultima modifica


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su SOCIAL Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave