Mark Zuckerberg, tra i “Grandi Perdenti” del 2012


mark_zuckerberg

Il 2012 non proprio perfetto del social network più grande al mondo
Quando gli iscritti non bastano. Quando la Borsa e gli investitori valgono di più.

Mark Zuckerberg. Uno dei grandi perdenti del 2012. Lo scrive Business Insider.

Perché Mark, fondatore di Facebook, qualche mossa l’ha sbagliata. Quest’anno non potrà, se sarà realista, ricordarselo come il migliore mai trascorso.

Il 2012 è stato l’anno dell’ingresso del suo gruppo in Borsa. Disastro. Le azioni, da Maggio a oggi, hanno perso il 28% del loro valore di partenza. Se Facebook valeva tanto, ora vale meno. Decisamente meno. Ecco perché Mark è uno dei grandi perdenti di questo 2012: ha perso denaro, ha acquistato (e snaturato) Instagram, ha introdotto una serie di innovazioni che gli utenti non hanno apprezzato. Non sempre, non proprio.

L’impressione, forse sbagliata, che arriva da Menlo Park, è quella di avere ben poco a cuore l’opinione degli utenti. Proprio loro. Quel miliardo di utenti attivi, che ogni giorno popolano le pagine del social network. Un abitante su sette, al mondo. Più di tutti gli altri, nonostante tutto.

Meno utenti, più soldi. L’esigenza di Mark…
L'impressione è di voler mettere i soldi davanti agli utenti. Non proprio il massimo, se gli utenti sono la tua ricchezza

Mark, povero lui, i conti deve farli soprattutto con chi ha investito nel suo giocattolo. Fare soldi, le parole-chiave. Pronti, via. Sponsored Post, gli aggiornamenti di stato a pagamento, i Promoted Video. E, ultima tra le idee, i messaggi a pagamento: sborsi un dollaro, il tuo messaggio supera ogni barriera e viene inviato nella cartella “Posta In Arrivo” dell’utente desiderato. Se lo conosci, poco importa. Hai pagato, va bene così.

Meno utenti, più soldi. Un’esigenza per Mark. Che deve aver imparato una cosa: gli utenti si arrabbiano, ma è su Facebook che trovano, la gran parte di loro, amici e interessi. Rimarranno, allora. Forse.

Del resto, se cambiamento dovrà essere, Google+ o chi per lui impiegherà molto, moltissimo tempo per fare suo lo scettro che spetta a chi domina.

Mark, il grande perdente del 2012, ha i numeri dalla sua. Solo quelli. E potrebbero non bastargli.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su SOCIAL Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave